Menu di scelta rapida
Sei in: Home / Amministrazione trasparente / Performance / Dati relativi ai premi

Dati relativi ai premi

Link alla versione stampabile della pagina corrente

Criteri definiti nel sistema di misurazione e valutazione della performance per l'assegnazione del trattamento accessorio

Suddivisione del punteggio tra performance organizzativa ed individuale

La suddivisione del punteggio tra le due principali categorie - organizzativa ed individuale – è stata differenziata a seconda della categoria di appartenenza. Si è proceduto dall’assunto che i dipendenti sono chiamati a rispondere circa il raggiungimento degli obiettivi prefissati in misura proporzionale al loro peso decisionale.  Ne consegue che la percentuale massima per la performance organizzativa è attribuita ai dirigenti (70%) e la percentuale minima è attribuita alle categorie C, B e A (30%). Con criterio inverso è attribuita la percentuale riguardante la performance individuale. Il tutto come sinteticamente risultante dal seguente prospetto:

qualifica

performance organizzativa

apporto personale agli obiettivi

competenze e comportamenti

Dirigenti

70 (di cui 60 per obiettivi e 10 per capacità propositiva)

=

30

Cat. D – posizione organizzativa

60

=

40

Cat. D

40

10

50

Cat. C

30

10

60

Cat. B

30

10

60

Cat. A

30

10

60

 

Suddivisione per classi di punteggio

Il risultato finale, cioè la somma tra la valutazione della performance organizzativa e la valutazione della performance individuale, viene raggruppato secondo le seguenti classi:

classi di punteggio

classi

distribuzione del fondo

da 80,01 a 100 punti

1^

200

da 70,01 a 80 punti

2^

150

da 60,01 a 70 punti

3^

100

da 0 a 60 punti

4^

0

 

In rapporto alla classe di appartenenza, il fondo di produttività – annualmente stanziato - viene distribuito con la seguente proporzione:

- Ai dipendenti inseriti nella 4° classe non viene erogata la produttività;

- Ai dipendenti inseriti nella 3^ classe viene attribuito l’importo base 100;

- Ai dipendenti inseriti nella 2^ classe è attributo un importo pari a quello assegnato ai dipendenti inseriti nella 3^ classe, aumentato del 50%.

- Ai dipendenti inseriti nella 1^ classe è attributo un importo pari a quello assegnato al dipendente inserito nella 3^ classe, aumentato del 100%.

La collocazione nella 1° o nella 2° classe per 3 anni consecutivi ovvero per cinque annualità anche non consecutive, costituisce titolo prioritario ai fini dell'attribuzione delle progressioni economiche (art. 23, comma 3, decreto legislativo 27/10/2009, n. 150) e titolo rilevante ai fini della progressione di carriera (art. 24, comma 3, decreto legislativo 27/10/2009, n. 150)

(Ultimo aggiornamento 27/03/2017)

 

Ultima modifica: 27/03/2017

Dati relativi al grado di differenziazione della premialità

Personale Dirigente. Dati relativi al grado di differenziazione della premialità .xlxs
(Ultimo aggiornamento 05/09/2017)

Personale Dirigente. Dati relativi al grado di differenziazione della premialità .ods
(Ultimo aggiornamento 05/09/2017)

Personale Non Dirigente. Dati relativi al grado di differenziazione della premialità .xlxs
(Ultimo aggiornamento 03/08/2017)

Personale Non Dirigente. Dati relativi al grado di differenziazione della premialità .ods
(Ultimo aggiornamento 03/08/2017)

Ultima modifica: 05/09/2017