Menu di scelta rapida
Sei in: Home / Territorio / Edilizia Residenziale Pubblica / Valutazione alloggi in aree PEEP

Valutazione alloggi in aree PEEP

Link alla versione stampabile della pagina corrente

ALIENAZIONE DEGLI ALLOGGI COSTRUITI SU AREE CONCESSE IN DIRITTO DI SUPERFICIE ALL’INTERNO DEI PIANI DI ZONA (P.E.E.P.)
 
L’alienazione degli alloggi, successiva alla prima, o la costituzione sugli stessi di diritti reali di godimento può avvenire esclusivamente a favore di soggetti aventi i requisiti per l’assegnazione di alloggi economici e popolari.
Il prezzo di vendita dell’alloggio dovrà essere determinato fra Comune e venditore sulla base del prezzo medio degli appalti per la costruzione dell’edilizia residenziale pubblica relativi all’anno precedente a quello della cessione stessa, diminuito di una percentuale di deprezzamento, così determinata in base all’età dell’edificio:
da 0 a 5 anni 0%
da 6 a 29 anni 1,25% per ogni anno
da 30 anni e oltre 30% fisso
Il prezzo così determinato, sarà aumentato del corrispettivo nominale versato per la concessione del diritto di superficie, nonché del corrispettivo per oneri di urbanizzazione.
Per l’acquisto dell’alloggio al prezzo così determinato, il Comune può esercitare il diritto di prelazione entro tre mesi dalla data in cui il proprietario dell’immobile informa il Comune sulla sua intenzione di cedere il bene.
Pertanto, prima di effettuare il rogito notarile l’interessato deve presentare formale richiesta in carta bollata di determinazione del prezzo di vendita dei propri immobili al Comune di Cuneo, sulla base della modulistica allegata, richiedendo nel contempo la rinuncia al diritto di prelazione da parte del Comune stesso.
Il Comune, a seguito di domanda, comunicherà per iscritto all'interessato il prezzo dell’alloggio, determinato secondo i criteri sopra indicati. L’iter si concluderà con il provvedimento formale di determinazione del prezzo degli immobili oggetto di alienazione e di rinuncia al diritto di prelazione (Determinazione Dirigenziale, con validità annuale). Ai fini della stipula dell’atto di vendita, detto documento sarà rilasciato in copia autentica dall’Ufficio Segreteria Generale del Comune all’interessato che dovrà allegare n. 1 marca da bollo (€ 14,62).
Nota: La Legge 23.12.1998 n. 448, Articolo 31 (testo collegato alla Legge Finanziaria per l’anno 1999) consente ai Comuni la possibilità di cedere in proprietà le aree già concesse in diritto di superficie ai sensi dell’articolo 35 della Legge 865/71. Per le procedure consultare la pagina relativa: Trasformazione del diritto di superficie in proprietà ed eliminazione dei vincoli alla commercialità su alloggi in proprietà.

ALIENAZIONE DEGLI ALLOGGI COSTRUITI SU AREE CEDUTE IN DIRITTO DI PROPRIETA' ALL’INTERNO DEI PIANI DI ZONA (P.E.E.P.)

A) Procedura per la vendita di alloggi in edifici convenzionati antecedentemente all’entrata in vigore della Legge n. 179/1992 (condizioni contenute nelle convenzioni)

L’alienazione degli alloggi, successiva alla prima, non può avvenire a nessun titolo, né sugli immobili stessi può costituirsi alcun diritto reale di godimento per un periodo di tempo di 10 anni dalla data del rilascio del certificato di abitabilità.
Decorso tale periodo di tempo e prima che siano trascorsi 20 anni dal rilascio dell’abitabilità, l’alienazione o la costituzione di diritti reali di godimento può avvenire esclusivamente a favore di soggetti aventi i requisiti per l’assegnazione di alloggi economici e popolari, al prezzo fissato dal Comune, tenendo conto dello stato di conservazione della costruzione, del valore dell’area su cui essa insiste, nonché del costo delle opere di urbanizzazione poste a carico del proprietario.
Trascorsi 20 anni dal rilascio dell’abitabilità, l’alienazione degli immobili può avvenire solo dopo l’eliminazione dei vincoli di cui all’articolo 35 L. 865/71, nonché dei limiti di commerciabilità previsti nella convenzione originaria stipulata tra il Comune e l’operatore  (Cooperativa e/o Impresa di Costruzioni) che realizzò a suo tempo l’intervento.
Al momento dell’alienazione dell’alloggio potrebbero quindi verificarsi due circostanze:

1° caso) se non sono ancora trascorsi  i 20 anni dalla data di abitabilità:
prima del rogito notarile dovrà essere richiesta al Comune di Cuneo  la valutazione dei propri immobili  e l’acquirente dovrà possedere i requisiti soggettivi per accedere all’edilizia economico-popolare. (Scarica la modulistica allegata):   Richiesta di determinazione del prezzo

2° caso) se sono già trascorsi  i 20 anni dalla data di abitabilità:
prima del rogito notarile dovrà presentarsi istanza, ai sensi dell’art. 31 della Legge 23.12.1998 n. 448, ai fini della soppressione dei vincoli convenzionali ex art. 35 della L. 865/71 (scarica la modulistica allegata):   Istanza per ottenere la soppressione dei vincoli convenzionali, con l'eventuale opzione di rimuovere anche i vincoli relativi al prezzo massimo di cessione (purchè siano trascorsi almeno 5 anni dalla data del primo trasferimento dell'immobile)  grazie alle modifiche legislative introdotte dalla L. n. 106/2011, ancorchè con l’obbligo di stipulare una nuova convenzione in forma pubblica (consulta link: Trasformazione del diritto di superficie in proprietà ed eliminazione dei vincoli alla commercialità su alloggi in proprietà).

B) Procedura per la vendita di alloggi in edifici convenzionati successivamente all’entrata in vigore della Legge n. 179/1992 (condizioni contenute nelle convenzioni con durata massima trentennale)

Gli immobili possono essere alienati, nei primi cinque anni decorrenti dall’assegnazione e/o acquisto previa autorizzazione dell'Ente competente (Comune o Regione), quando esistano gravi, sopravvenuti e documentati motivi.
Decorso tale termine, gli alloggi possono essere alienati, aggiornando il prezzo di prima cessione (indicato nella convenzione stipulata tra il Comune e l’operatore che ha realizzato l’intervento), sulla base dell’indice ISTAT relativo all’incremento del costo di costruzione, risultante dal confronto tra l’indice relativo al mese in cui è stato effettuato il primo trasferimento e quello relativo al mese di scadenza del biennio immediatamente precedente alla data di cessione delle unità immobiliari, applicando una percentuale di deprezzamento per ogni anno decorrente dal sesto anno successivo a quello di costruzione dell’immobile pari a: 1% per i successivi 15 anni, ed eventualmente di 0.50% fino alla scadenza della convenzione.
Al valore come sopra determinato potranno essere aggiunte le spese, documentate e non rivalutabili, di manutenzione straordinaria come definite dall’art. 31 sub b) della legge 05.08.1978 n. 457 affrontate nel decennio precedente.
Pertanto, in questo caso non si dovrà chiedere alcunché al Comune.
Con  l'entrata in vigore della L. n. 106/2011 è ora possibile rimuovere il vincolo convenzionale del prezzo di cessione dell'alloggio (purchè siano trascorsi almeno 5 anni dalla data del primo trasferimento dell'immobile)  pagando un corrispettivo economico, calcolato in base ai criteri fissati dalla deliberazione di G.C. n. 250 del 26.09.2012 ed ai sensi dei commi 49-bis e 49-ter della L. 448/98 (scarica la modulistica allegata):   Istanza per ottenere la soppressione dei vincoli convenzionali  (consulta link: Trasformazione del diritto di superficie in proprietà ed eliminazione dei vincoli alla commercialità su alloggi in proprietà).

PRIMO PIANO | Tutte le news

RSS
16.10.2014 - Elaborazione Dati, Stampa e Comunicazione, Edilizia-Urbanistica

Webcam per seguire in diretta l’andamento dei lavori del PISU

Via Roma - Piazza Foro Boario

01.09.2014 - Edilizia-Urbanistica

Precisazioni in merito alla presentazione delle pratiche A.S.L. allo Sportello Unico

nota della Regione Piemonte n....