Menu di scelta rapida
Sei in: Home / Socio Educativo e pari opportunità / Iniziative

Iniziative

Link alla versione stampabile della pagina corrente

Carnevale Ragazzi 2017

 

 

manifesto pdf del carnevale ragazzi 2017

 

Attività motoria per anziani

Anche quest'anno il Comune di Cuneo propone una serie di attività motorie rivolte alla terza età.

Scarica il manifesto

 



Nuovo Centro di Aggregazione Giovanile nel quartiere San Paolo,

Venerdì 29 ottobre, alle ore 16,  verrà inaugurato il nuovo Centro di Aggregazione Giovanile nel quartiere San Paolo, presso alcuni locali forniti dalla Parrocchia. Il Centro, nato da una collaborazione fra Parrocchia, Comune e Consorzio Socio Assistenziale del Cuneese, verrà gestito da due Educatori Professionali del Progetto di educativa di strada "Vai Shanti", di competenza del Consorzio di Cooperative "Nuovi Orizzonti" (Cooperative Sociali Emmanuele e Momo) e finanziato con il contributo delle Fondazioni Cassa di Risparmio di Cuneo e Cassa di Risparmio di Torino. Gli educatori saranno affiancati da due volontari della comunità parrocchiale formati e sostenuti dalla Caritas Diocesana.
Lo spazio, aperto in fascia pomeridiana nei giorni di martedì, mercoledì, giovedì, venerdì, è destinato a giovani di età compresa fra i 13 ed i 19 anni. La presenza di figure educative qualificate, da anni presenti nel quartiere attraverso un lavoro di strada con i gruppi di adolescenti, consentirà di cogliere i bisogni che emergeranno su un territorio con una forte componente di gruppi giovanili e di accompagnare di volta in volta i ragazzi o i gruppi che esprimono necessità o progettualità specifiche. Pertanto, lo spazio non vuole proporsi esclusivamente come contenitore di attività e strumenti ludico-ricreativi, ma fornire un supporto relazionale e di ascolto per i frequentatori e divenire nel tempo una realtà di propulsione per iniziative per e con i giovani.
Successivamente, alle ore 19, si terrà nel salone della Parrocchia un incontro rivolto ai giovani dal titolo "Con una marcia in più (Testimonianza di una rinascita dopo un incidente motociclistico)" con Alessio Tavecchio ed in ricordo di Michelangelo Conta, un giovane di San Paolo morto in un incidente motociclistico.

 



 

Nuovo progetto di educazione alla pace "In cammino per un'Europa di pace"

Il Comune di Cuneo, da sempre, si è fatto promotore di iniziative volte ad informare e diffondere una cultura relativa ai temi dell’educazione alla pace e alla legalità. Quest'anno viene proposto il progetto “In cammino per un’Europa di Pace”, che prevede attività di laboratorio destinate ai ragazzi delle Suole superiori della Città di Cuneo, caratterizzate dall’integrazione tra musica, movimento e teatro che saranno coordinate dall’Associazione 33 Giri e che si svolgeranno all’interno delle Scuole stesse, di pomeriggio, in giorni ancora da definire.   
Per dare l’avvio al Progetto, in collaborazione con l’Associazione “Ipazia” di Cuneo e con  la Compagnia teatrale degli Intronauti  Venerdì 5 novembre 2010, alle ore 15,30, presso  il Salone dei Tomasini, via Bersezio, 2 a Cuneo, si svolgerà lo spettacolo teatrale "Panem Vestrum”, al quale sono invitati i ragazzi che si saranno iscritti  alle attività di laboratorio teatrale. Lo spettacolo verrà riproposto per la cittadinanza  alle ore 21,00 del medesimo giorno e sempre nel Salone dei Tomasini.
L’Associazione Ipazia nasce nel mese di Luglio 2009 e, attraverso  dei laboratori teatrali, inserisce persone con disagi sociali, sofferenze emozionali, solitudini per riflettere sulle radici delle nuove povertà e l’esclusione. Nello spettacolo Panem Vestrum l’aggregazione dolente di un’umanità sempre più esclusa ed offesa è simboleggiata dall’iconografia leopardiana dell’Ultima cena. Nell’espressione teatrale diventa un veemente atto di accusa da parte degli Ultimi verso una società sempre più orientata alla ricerca della ricchezza e di un facile successo e sempre meno sensibile alle necessità ed ai bisogni  essenziali delle persone.
Questo spettacolo, dice l’Assessore Erio Ambrosino, è solo “l’inizio di un lungo percorso  per iniziare a riflettere, in particolare con i giovani, sulle radici della povertà e  dell’esclusione sociale” . Saranno poi i ragazzi stessi, attraverso le attività di laboratorio teatrale e musicale, a portare avanti tali tematiche e a metterle in scena.